Anthora Tour Operator
 

Temi di viaggio > > Glorioso Rimpatrio



  1. Info generali
  2. Giorno per giorno
  3. Prezzi e condizioni
  4. Partenze

 

 

 

 

 

Guarda il filmato

 

 




Glorioso Rimpatrio

Il 17 agosto 1689 circa mille persone si incamminarono dalla sponda sud del lago di Ginevra per raggiungere le valli native piemontesi, da cui erano stati cacciati nel 1687. Una marcia per ritornare alle case, alle montagne ed ai campi che avevano forzatamente abbandonato. Un'impresa memorabile verso il ritorno alla libertà: il Glorioso Rimpatrio.
Dal prossimo mese di Agosto gli appassionati dei grandi cammini lungo itinerari storici potranno ripercorrere l'ultima parte del percorso, le sei tappe dal Colle del Piccolo Moncenisio a Bobbio Pellice, utilizzando una dettagliata carta topografica.
Per festeggiare l'evento, dal 21 al 28 agosto la Provincia di Torino ha organizzato eventi ed escursioni volte alla riscoperta di questo importante pezzo di storia

Difficoltà (vedi)
3/5 impegnativo per il numero di giorni consecutivi
4/5 il programma di 7 giorni

Durata
8g /7n o 4g/3n

Temi del viaggio


Periodo consigliato
da luglio a settembre

Fatti salienti

Giorno per giorno

1a tappa – dislivelli: ca.400m in salita -  ca 1350 in discesa – km 22,3

h. 7,30 ritrovo a Susa con mezzi propri.
Auto: parcheggio a 200m dall'uscita autostrada sulla sinistra
Trasbordo su pulmini per traferimento al Rifugio Piccolo Moncenisio (2110m), da dove si parte per l'escursione verso il Colle del Piccolo Moncenisio (2183m) e si raggiunge il Col Clapier (2477 m) in circa 1.30 - 2.00 ore di tranquilla camminata in terrreno aspro e selvaggio dominato dalla Rocca d'Ambin e ingentilito dal lago delle Savine. Il Col Clapier è uno dei possibili passaggi di Annibale; sicuramente un colle strategica-mente importante per i collegamenti tra Val di Susa e Maurienne. Da qui si inizia la lunga discesa  (2.00 – 2.30 h) fino a raggiungere S. Giacomo (1136m) nella splendida e nascosta Val Clarea, rovinata recentemente nella sua parte bassa dalla costruzione di una diga.  Da qui si raggiunge con una navetta Giaglione, dove si pernotta presso l'agriturismo Barbamarc.
Durata del percorso: 4,30-5 ore

2a tappa – dislivelli: ca.1000m in salita -  ca 350 in discesa – km 12 ca
da Giaglione si raggiunge S. Giacomo (1136 m) con una navetta. Si sale alle Grange della Thullie (2.024 m). Inizio del Buco di Colombano Romean a cui è intitolato l'ecomuseo del Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand. Impegnativa la risalita del Vallone del Tiraculo. Si doppia la zona calcarea dei Denti di Chiomonte (2106m). Si raggiunge le Grange di Clot di Brun (1912m) e da qui in breve Grange della Valle (1772m) e il Rifugio Levi-Molinari (1849 m) dove si pernotta.
Durata del percorso: 6 ore circa.

3a tappa – dislivelli: ca 800 in discesa  ca.750m in salita -  – km 11 ca
discesa dal Rifugio Levi-Molinari a Eclause (1383 m), parte su sentiero e parte su strada asfaltata. Da Eclause si raggiunge  Moncellier (1321 m) su sentiero  e infine Salbertrand (1032 m). Seguendo l'itinerario GTA, da Salbertrand si raggiunge Montagne Seu e il Rifugio Arlaud (1760 m), dove si pernotta.
Tappa fondamentale per i Valdesi che si scontrano in battaglia con le truppe dei francesi che vengono sbaragliate. Interessante anche una sosta alla sede del Parco Naturale del Gran Bosco.
Durata del percorso:  4-5 ore circa.

4a tappa – dislivelli:  ca.650m in salita  ca 900 in discesa-  – km 16 ca
da Montagne Seu a Monfol lungo uno sterrato nel cuore del Gran Bosco di Salbertrand. Da Monfol (1662m) si raggiunge il Colle di Costa Piana (2320m) passando nei pressi della bergeria e del lago Laune. Un ambiente inizialmente di bosco e successivamente di pascolo aperto. Dal colle di Costa Piana, seguendo purtroppo una pista utilizzata dalle moto da fuoristrada, si scende a Granges Pragelato (1546m) dove si pernotta presso l'Albergo Passet.
Durata del percorso: 5-6 ore.

5a tappa – dislivelli:  ca.1100m in salita  ca 1400 in discesa-  – km 23 ca
partenza da Granges Pragelato (1546m). Si risale la parte iniziale della Val Troncea. Si raggiunge la Borgata abbandonata di Joussaud (1794 m) e da lì si sale al Colle del Pis (2610m). Salita lunga (14 km) e  impegna-tiva di ca 1100 m di dislivello per ca. 4 ore. Dal Colle del Pis, in ambiente di alta montagna dominato dai 3000m del Ghinivert e del Bric Rosso e passando accanto alla panoramica cascata del Pis, si raggiunge prima la bergeria del Lauson (2000 m), la Balziglia (1371 m) e da qui Massello (1195m), dove si pernotta presso La Foresteria di Massello.
Durata del percorso: 6-7 ore

6a tappa – dislivelli:  ca.500m in salita  ca 260 in discesa  – km 15 ca
Tappa non particolarmente impegnativa.Il sentiero si snoda spesso parallelo a strade carrozzabili. Da Massello si raggiunge Didietro nel comune di Salza di Pinerolo , si sale al Colletto delle Fontane (1573m)  e quindi al Colle di Serrevecchio (1708m). Si scende sull’abitato di Rodoretto (1425 m) e, attraverso la costa di Galmont  e l’abitato di Cugno, si  raggiunge Ghigo di Prali (1448m) dove si pernotta presso l'Hotel Delle Alpi  (anche posto tappa della GTA).
Durata del percorso: 5-6 ore

7a tappa – dislivelli:  ca.1000m in salita  ca 1700 in discesa-  – km 18 ca
Da Ghigo di Prali (1448m) ci si avvia per l'impegnativa salita al Colle Giuglian (2457 m) attraversando le miande  Selle e salendo al colle in mezzo ad un bosco di larici.  Dal colle si scende su un ripido sentiero fino alle bergerie Giulian, si prosegue fino alla borgata di Serrre Cruel, per poi scendere verso Sibaud (826 m) e di qui Bobbio Pellice (734m). Pernottamento presso Casa per Ferie “Le Casermette” per partecipare all'evento del giorno successivo
Durata del percorso: 8 ore

 

Itinerario di 4 giorni

Come l'itinerario precedente, di cui si percorrono le tappe dalla quarta alla settima

Condizioni di partecipazione

Quota di partecipazione
Quota individuale in aggiornamento
Gruppi di min. 8 persone


Altre spese obbligatorie

Sistemazione
Alberghi e rifugi come indicato nel giorno per giorno

Mezzi di trasporto
Mezzi propri per raggiungere l'inizio del trekking. Bus per il ritorno alle auto, al punto di partenza

La quota comprende
Trattamento in mezza pensione con sistemazione tipo rifugio, come da programma - il pranzo al sacco - i trasporti come descritto nel programma - accompagnamento di una guida naturalistica

La quota non comprende
I trasporti fino al punto di partenza - Il sacco-lenzuolo per il pernottamento in rifugio (obbligatorio) - Assicurazione per il soccorso in montagna (consigliata) - Bevande, mance, spese di carattere personale e quanto altro non espressamente indicato

Documenti, visti e avvertenze sanitarie

Non è richiesta nessuna profilassi specifica
Le vaccinazioni antitetanica e antitifica sono sempre consigliate.

Validità/revisione prezzi
La quotazione del presente viaggio è valida fino al

Equipaggiamento consigliato


Condizioni generali di vendita
Per le condizioni generali di vendita si fa riferimento a quanto indicato nel catalogo e riportato nel sito web.

Partenze


 
 
Ritorno Home Page

 


Sentieri di Anthora - P.IVA 02628150027
Condizioni generali Coperture assicurative Privacy & Cookie
.